Niente rigore su Kalinic, ma Baba non era in off side sul possibile 2-0…

Niente rigore su Kalinic, ma Baba non era in off side sul possibile 2-0…

Chievo – Crotone 1-2 Calvarese – Al rientro dallo scempio di Sassuolo-Milan, partita dalle mille polemiche, fa una gara “soft” che non gli crea nessun tipo di problema.
Fiorentina – Bologna 1-0 Doveri – Partita di normalissima amministrazione, dove gli episodi salienti sono stati 2… Sul primo, al 22° del 1° tempo, i giocatori viola, in particolare Kalinic protagonista dell’azione, reclamano un rigore per una trattenuta; questa in effetti c’è subito prima anche se non clamorosa, ma l’arbitro romano decide, a mio avviso giustamente, di concedere la “norma” del vantaggio, che effettivamente si concretizza, solo che al momento in cui il centravanti viola; in odore di seguire il suo mentore Sousa al Dortmund, potrebbe concretizzare l’azione, ha un controllo non esemplare del pallone ed a quel punto decide di lasciarsi cadere, per cui Doveri prende la giusta decisione. Nel secondo episodio invece, sbaglia l’assistente n° 1, La Rocca di Ercolano, perché al momento del lancio a Babacar dalle retrovie viola, quest’ultimo, di poco, ma è in posizione regolare, ed avrebbe anche potuto segnare il gol del 2-0, in quanto solo davanti a Mirante.
Genoa – Atalanta 0-5 Gavillucci – Gara che offre pochi spunti, anche se l’arbitro laziale dimostra buona personalità non lasciandosi intimorire dalla reazione, un po’ troppo sopra le righe, di Pinilla che viene, giustamente, espulso per reiterate, quanto ingiustificate, proteste.
Napoli – Juventus 1-1 Orsato – Nella partita, attesissima, del ritorno del “Pipita” Gonzalo Higuain a Napoli, l’arbitro scledense fischiando solo 16 volte fa la partita “perfetta”, bravo! Speriamo che Collina e Busacca, da lunedì scorso a Coverciano insieme ai 53 arbitri di tutte e 6 le Confederazioni preselezionati per il mondiale russo, non penalizzino né lui né l’altro Top italiano, Rocchi, lasciandone uno a casa, per mere questioni di geopolitica. In ogni caso l’eventuale “sacrificato” dovrebbe essere, solamente per questioni anagrafiche e non di bravura, proprio Orsato.
Palermo – Cagliari 1-3 Valeri – Buona partita dell’Internazionale romano, anche se mal assistito dall’assistente De Meo, nell’occasione del vantaggio rosanero di Gonzalez; infatti su azione susseguente a calcio d’angolo, la palla viene spizzata da Chochev che mette il compagno, in posizione clamorosa di offside, solo davanti alla porta, libero di segnare, senza che venga sbandierata nessuna posizione irregolare.
Pescara – Milan 1-1 Mazzoleni – Mazzoleni torna a fare, bontà sua, il Mazzoleni… ben 8 ammonizioni comminate secondo un suo particolare codice disciplinare. Torno a ribadire che per me è il peggiore arbitro, come rapporto qualità/prezzo, di tutta la Serie A!
Roma – Empoli 2-0 Massa – Pesa come un macigno sulla gara (eravamo ancora sullo 0-0), l’errore dell’assistente n° 2 Tasso, che sbandiera un fuorigioco inesistente, ed anche con colpevole ritardo, sull’empolese Thiam lanciato a rete ed abbattuto da Szczesny, con conseguente rigore ed inevitabili polemiche sul colore del cartellino da mostrare al portiere giallorosso, per me comunque rosso, perché non mi sembrava un intervento “onesto”.
Sassuolo – Lazio 1-2 Giacomelli – Tutto sommato l’arbitro giuliano se la cava dignitosamente, facendo una gara più che solida. Bravo l’assistente Peretti a non segnalare un eventuale fuorigioco di Immobile, sul pareggio biancoceleste dello stesso attaccante della Nazionale di Ventura.
Torino – Udinese 2-2 Ghersini – Tutto gira sull’episodio accaduto al terzo dei cinque minuti di recupero, dove Belotti viene servito in area di rigore, il bomber granata si gira e deposita la palla in rete firmando il momentaneo 3-2 ma il guardalinee Mondin alza la bandierina. Riguardando il replay si vede come Belotti sia tenuto in gioco dal piede di un difensore friulano e quindi la posizione era regolare. Sicuramente una decisione non facilissima da prendere, ma siccome penso che l’assistente trevigiano abbia avuto, perlomeno, un ragionevolissimo dubbio… da sempre, nel dubbio, non si alza la bandierina.

Giancarlo Carmagnini

Articoli Correlati
Lascia un commento