Gerson vicinissimo alla Fiorentina. Esterno brasiliano che può fare anche la mezzala. Conosciamolo meglio

Gerson vicinissimo alla Fiorentina. Esterno brasiliano che può fare anche la mezzala. Conosciamolo meglio

Gerson Santos da Silva, meglio noto come  Gerson, ecco il prodotto del “mercato creativo” viola, declinato ieri a Moena da Andrea Della Valle e messo in pratica da Pantaleo Corvino (finalmente) a stretto giro di posta. Classe 1997 (ha compiuto 21 anni lo scorso 20 maggio) è un esterno di piede sinistro che, però, ama partire dall’ala destra. All’occorrenza può fare anche ma mezzala, anche se con caratteristiche principalmente offensive. Il suo arrivo alla Fiorentina deve essere ancora ufficializzato, ma con la Roma (proprietaria del suo cartellino) siamo ai dettagli. La formula è l’unica possibile attualmente per le magre casse viola: prestito con diritto di riscatto. Gerson è stato acquistato dai giallorossi nel 2015, ma è arrivato a Roma soltanto nel 2016 a causa di problemi con il tesseramento (è extracomunitario). La società capitolina, per strapparlo al Fluminense, lo pagò la bellezza di 16 milioni di euro. Soldi che il brasiliano, fino a oggi, non ha ancora dimostrato di valere del tutto. Bravo nel dribbling e molto capace negli assist, non ha nel senso del gol la sua dote principale, tanto è vero che in Italia ne ha realizzati soltanto due, ironia della sorte, proprio alla Fiorentina nella partita della scorsa stagione vinta dai giallorossi per 4-2 a Firenze. Ma il talento non gli manca, come testimoniano le sue 10 presenze nella Nazionale Under 20 del Brasile, dove non si gioca se non si è in possesso di numeri importanti. Sotto la gestione di Eusebio Di Francesco, soprattutto nella prima parte dello scorso campionato, sembrava essere tornato il bel giocatore capace di esordire nella serie A brasiliana a soli 17 anni. Poi si è gradualmente spento, perdendo posizioni nelle gerarchie del tecnico giallorosso. Adesso arriverà a Firenze per giocare e per dimostrare che può essere protagonista anche con un maglia pesante come quella viola. Una scommessa tutta da verificare e (possibilmente) da vincere.

Tommaso Borghini

Articoli Correlati

I commenti sono chiusi.